venerdì 16 maggio 2008

TEATRO di violenza


Mai avrei immaginato di inserire tra le etichette di questo blog la parola TEATRO.
Pregiudizio? Ignoranza? Entrambe!
Pregiudizio nei confronti di un’arte che conosco troppo poco e di cui non mi sono quasi mai interessato.

Il motivo principale per cui ieri, giovedì 15 maggio, mi sono recato al Teatro Sociale di Como era infatti per vedere e ascoltare, da bravo fan, la mia Saretta su un palco inedito per lei: quello di un teatro, appunto.
E alla fine ne sono uscito con una valanga di stimoli in più che si possono riassumere in un’unica, grezza, espressione: “Ah, ma il teatro si fa così?! Fichissimo!”

Sarah Cappelletti alla voce e Luca Schiavo alla chitarra hanno commentato/interagito/sostenuto jazzisticamente l’ottima Elisa Carnelli, unica attrice del dramma DOPO DI ME IL NULLA scritto e diretto dal sorprendente Jacopo Boschini.

Un monologo spezzato a tratti dal dialogo con la voce fuoricampo di Stefano Dragone.
Elisa nella parte della moglie maltrattata, la voce di Stefano nella parte del marito maltrattatore.

Tema: la violenza sulle donne. Lo sapevate che il 30% delle donne in Italia subisce abusi fisici e/o psicologici?

ORA, la tematica mi interessava ma, fottuti pregiudizi, ero pronto a sorbirmi il solito mattonazzo socio-impegnato di denuncia iper-didascalico: mille contenuto, zero narrazione. Un COSA da 1 tonnellata rovesciato sopra un COME da 1 grammo.

Che va bene, per carità. Le coscienze vanno smosse, i fatti vanno denunciati, ecc…
Ma io, da ostinato fumettista, difendo a spada tratta la luccicante carrozzeria dell’INTRATTENIMENTO che nasconde nelle viscere del suo motore il CONTENUTO: non tutti sono esperti meccanici, ma il motore c’è. Se vuoi alzare il cofano per ammirarlo, bene. Se no, ti ho regalato una STORIA che ti dimenticherai tra un giorno, un anno, una vita.

E invece il sorprendente Jacopo mi sorprende: dopo un inizio di riscaldamento, in cui l’attrice si presenta e presenta la sua situazione di moglie sottomessa, al 15° minuto tutto “collassa” e lo spettacolo decolla. Improvvisamene non vola una mosca in sala (800 persone). L’attrice ci prende per le palle uno a uno (e perdonate la metafora). Si parte…

La moglie non descrive ma “rivive” insieme al pubblico tutto quello che ha subito, senza patetismi né didascalismi, buttandotelo in faccia con tono vissuto ma distaccato, contestualizzando ogni singolo episodio di violenza fisica e psicologica (la peggiore) in un conto alla rovescia fatto di flashback, situazioni e azioni che portano dritti fino alla catarsi finale.

Una STORIA, per quanto pseudo-biografica e dal taglio documentaristico, che ti trascina per i capelli fino alla fine.

Una discesa agli inferi nella vita matrimoniale di una finta coppia che si regge sul precario e pericolosissimo equilibrio vittima/carnefice, maso/sado, buono/cattivo.

Con lei in overdose da Sindrome di Stoccolma e lui incarnazione metafisica di Mengele. La scelta di estromettere LUI dal palco e ridurlo a mera voce è infatti efficacissimo: il suo è un male simbolico, spersonalizzato, perfettamente coerente col non-visto che permea tutto il dramma.

È un tipo di violenza nuova per me, in bilico tra il Racconto e la Rappresentazione: perché il testo, prima, e l’attrice, poi, giocano proprio sulla “recitazione della violenza”, sulla messa in scena teatrale del racconto del ricordo della violenza.

Unico, disperato, appiglio della protagonista, e di noi poveri spettatori, è la sua amica/mentore/sostegno Betty Boop, nome d’arte di una cantante americana in pensione che ha passato tutta quella violenza prima di lei. Una sorta di saggia alter-ego, non a caso interpretata dalla stessa attrice, che cerca di farle aprire gli occhi, di smuoverla, di spingerla a ribellarsi.

La catarsi finale c’è e la frase di chiusura è perfetta (+ o – suona così: “da sola mi perderò nel nulla, ma è il mio nulla…e lo riempirò come voglio io”) ma il pubblico è turbato e spiazzato, non si aspettava qualcosa dai toni e contenuti così forti. Attori, musicisti, scenografe (ottima l’idea delle scatole!) e regista sono costretti a uscire tre volte sommersi dagli applausi, che sono certamente sentiti ma suonano anche come sfogo liberatorio per i 60 minuti passati all’inferno. (60 minuti che io ho vissuto davvero intensamente, complice anche la mia infausta posizione nel teatro: ultima balconata all’estrema sinistra, in piedi, in bilico sul baratro di 30 metri che mi separava dai vip in platea…mi sentivo un po’ come i corvi di “Opera”)

Ma, d’altronde, se tratti di orto-botanica parlerai di sementi e fertilizzanti, se tratti di violenza alle donne parlerai di calci al ventre e cinghiate sulla spina dorsale. Perché è questo che succede nella realtà, in alcune realtà. Ed è tutto quello che Sandra&Raimondo non ti dicono.

Ok, ora tolgo il cappello da critico che mi sta scomodissimo e vi chiedo scusa (un po’ a tutti, massì). Perché non ho sicuramente reso l’idea di questo spettacolo e forse mi sono scritto un po’ addosso. Andrebbe semplicemente visto.

E io aspetto con ansia la replica…

8 commenti:

david santos ha detto...

Ciao Alex, come và? Spero tutto bene per te. Buon lavoro. Un abbraccio e un buon fine settimana.

alex crippa ha detto...

Oi David!
non ti conoscevo, poi ho visto il tuo blog e ti ho inserito nei miei link.
grazie di avere scritto.

giustina ha detto...

ma che bella voce che ha saretta! l'ho ascoltata e vista sul sito di myspace... falle i miei complimenti, davvero fighissima!

alex crippa ha detto...

grazie, Giupps!
da parte di Sara e da parte mia!

quando replicheranno questo spettacolo, ti consiglio vivamente di esserci...

desmov ha detto...

Caro Alexey, complimenti pe rl'approdo al teatro, uno dei beni del millennio.
E vengo qui a dirti che se vuoi leggere qualcosa di "corposo" ma breve, sul mio blog c'è la Shoah silenziosa, come da promessa...

desmov ha detto...

Anche perchè mi piacerebbe tanto sapere se ti lascerà addosso qualcosa, al livello di sensazioni, e di allarmismo....:)

Jack, ascesso della decenza

alex crippa ha detto...

desmov: volo sul tuo blog!

文章 ha detto...

餐飲設備 製冰機 洗碗機 咖啡機 冷凍冷藏冰箱 蒸烤箱 關島婚禮 巴里島機票 彈簧床 床墊 獨立筒床墊 乳膠床墊 床墊工廠 產後護理之家 月子中心 坐月子中心 坐月子 月子餐 銀行貸款 信用貸款 個人信貸 房屋貸款 房屋轉增貸 房貸二胎 房屋二胎 銀行二胎 土地貸款 農地貸款 情趣用品 情趣用品 腳臭 長灘島 長灘島旅遊 ssd固態硬碟 外接式硬碟 記憶體 SD記憶卡 隨身碟 SD記憶卡 婚禮顧問 婚禮顧問 水晶 花蓮民宿 血糖機 血壓計 洗鼻器 熱敷墊 體脂計 化痰機 氧氣製造機 氣墊床 電動病床 ソリッドステートドライブ USB フラッシュドライブ SD シリーズ