martedì 2 novembre 2010

LUCCA REDUX

Ebbene sì, è proprio lui...BRACCIO DI CULO!
O è il suo cosplayer...? Non si è ancora capito. Solo una cosa è certa: egli esiste. E gli piace DEI.
(ha provato a ridarci la copia omaggio ma abbiamo brutalmente declinato -con l'ormai classico calcio nei coglioni- per motivi igienici).



Il disegnatore di DEI, all'anagrafe Emanuele Tenderini, fa il suo ingresso trionfale in fiera munito delle due groupies ufficiali, all'anagrafe Anna e Mariangela, che spettano da contratto a ogni autore Ankama.

L'affollato stand del GGStudio, una garanzia. I miei "Mediterranea" e "Gore", giunti rispettivamente al quarto e secondo capitolo, sono andati bene. Come le altre testate, del resto. Soprattutto sul mercato USA, che pare aver accolto proprio bene la trasferta degli albi del GGStudio. Forti anche delle preziose traduzioni del grande Andrea Plazzi, che ho avuto il piacere di conoscere alla nostra conferenza di sabato pomeriggio.


Non è un festival di Lucca se manca la Lamborghini Gallardo della polizia. Minchia, che bella. La vorrei esattamente così, sirene comprese, se potessi permettermela. E se avessi il coraggio di acquistarla.

Fatto il nostro ingresso trionfale, io e Manu ci buttiamo nella presentazione di DEI allo stand Ankama con presentatore (sulla sinistra) e monitor ufficiale. Per motivi tecnici (il monitor) e pratici (stand più largo) all'ultimo momento si è deciso di spostare l'evento nell'area Games invece che rimanere nell'area Comics come annunciato. Mi scuso con chi non è riuscito a dribblare l'imprevisto, ma era la soluzione migliore. Tra l'altro Manu era scatenatissimo, si è lanciato in una lezione sul disegno e lo studio dei characters veramente approfondita e io non ho potuto far altro che starmene in contemplazione del suo sapere e del suo profilo.


Alle nostre spalle intanto si agitava un superman ballerino a ritmo di dance sparata a 120 decibel nelle nostre orecchie. E' stato talmente traumatico che non credo riscirò più a fare una presentazione di un mio fumetto senza avere alle spalle un superman che balla a ritmo di dance a 120 decibel. Sindrome di Stoccolma, credo.

BdC (o il suo cosplayer, o un mio allievo vestito da BdC, non si è ancora capito) prende coscienza del bizzarro scherzo di natura che si ritrova al posto della mano e inorridisce.


Il B&B dove io, Davide Rigamonti e Marco Madoglio alloggiavamo.
So che è stupido, poco plausibile, immaturo e anche un pò imbarazzante, ma non abbiamo resistito...e così abbiamo chiesto al proprietario se era parente dell'omonimo Umberto regista di poliziotteschi, cannibal movie e horror di serie B. Ovviamente no, ma chi non è nerd dentro alzi la mano. Non fare lo stronzo, sù, alzala anche tu.

Ed ecco chiarito il mistero su BdC!

14 commenti:

il.Benci ha detto...

grande alex, almeno ci siam visti per un saluto!!

ora sai che se vuoi fare un fumetto speleo sai da chi informarti, a proposito allora consigli di recuperare descent? :p

Gianluca Maconi ha detto...

Cazzaroa non ci siamo proprio visti. E soprattutto... non possiedo DEI. Grrr.

Moleskina ha detto...

Ecco spiegato l'arcano: non c'eravate!!! Sarò passata davanti allo stand di Ankama un centinaio di volte: pensavo di non vedervi perché intrappolata in una realtà parallela dove solo io vedevo lo stand molto piccolo e pieno di pupazzetti... Uffa!!! Mi dispiace tantissimo di non avervi incontrato :-( Quando si rimedia!?

Anonimo ha detto...

Gran resoconto!!!

eMa

il Berta ha detto...

certo che bisogna proprio essere degli sfigati senza nessuna autostima in sè stessi se ci si riduce a fare il cosplay di braccio di culo... spero di non dovere mai incontrare di persona questo rifiuto umano...

il Berta ha detto...

certo che bisogna proprio essere degli sfigati senza nessuna autostima in sè stessi se ci si riduce a fare il cosplay di braccio di culo... spero di non dovere mai incontrare di persona questo rifiuto umano...

alex crippa ha detto...

benci: assolutamente sì, "The Descent" è uno dei migliori horror anni '00!

gianluca: non sei l'unico...è stato davvero caotico, avrei voluto incontrare più persone...vabbè!

moleskina: e infatti! anche a noi spiace...si rimedierà presto, giuro!

eMa: vero? quando mi ci metto non ce n'è per nessuno.

berta: non ci sperare, temo che si farà vivo a ogni fiera...brrrr!

il Berta ha detto...

@crippa: cos'è? una minaccia? oppure un bel 30 in pagella?

CREPASCOLO ha detto...

Io ho sposato la cosplayer della Buu di Monsters & Co. - era ampiamente maggiorenne quindi non si è trattato di un bunga bunga affair - e vado pazzo per tutti coloro che si calano, almeno una volta all'anno, nei panni di una creatura cartacea. Detto questo, il tizio nella foto è la replica di Eega Beeva come appare nei primi bozzetti di Floyd Gottfredson. Il signor Creeppa probabilmente si è imbattuto, quando aveva i calzoncini corti, come il sottoscritto, in un Oscar Mondadori ( 600 lire ) intitolato ''Le Follie di Eta Beta '' in cui si dice che il penciller era tale Al Levin, ma si tratta di un errore dovuto alla 'zine su cui scriveva un imberbe Alfredo Castelli ( storico ndr ).
Pochi sanno che negli USA sono state pubblicate pochissime storie del personaggio - quelle dell'Oscar in realtà - perchè la Disney temeva oscurasse il Topo. Le altre, tante, in cui compare l'omino del futuro sono state realizzate in giro per il mondo - per esempio da Romano Scarpa
( vedi i team up con Atomino Bip-Bip ). Mi sbaglierò, ma qualcosa del genere è successa negli anni novanta con Venom e Spider-Man.
I personaggi sono ''licenze '' spendibili nel multimediale: se avvantaggio il tizio che ritengo ballerà una sola estate rischio di azzerare il fascino del tizio che è ormai un classico. Posso mangiare speziato ogni tanto, ma il pollo lesso è più digeribile.
Lo Etabeto lucchese ci ricorda che, ogni tanto, dobbiamo concederci la carne con il chili innaffiata da una doppio malto. Ed il crepuscolo sarà colorato come il sole che sorge su di un rudere messicano in cui ternminano di bruciare vampiri desperadoes in un film pulpeggiante. La notte ci sveglieremo al suono dei critters che zampettano nelle nostre frattaglie e caracolleremo in cucina dove un litro di deteinato ed il falò di Eta Beta e l'atombrello ci restituiranno la pace dei sensi. Forse.

Paolo Motta ha detto...

Mi spiace non essere riuscito ad arrivare alla presentazione del tuo albo, ma mi sono perso in mezzo agli stand.

Riguardo al nome Lenzi. Tempo fa uno con questo cognome si iscrisse in una Mailing List. Il giorno dopo aveva la casella intasata da messaggi di gente che chiedeva "sei parente?"

alex crippa ha detto...

berta: entrambi.

CREPASCOLO for president! chiunque tu sia, uomo, donna, gruppo, associazione, società, animale, vegetale, minerale.

paolo: idem!
PS creiamo un fan club di omonimi di Lenzi.
PPS il vero Lenzi (Umberto) sarà a Milano ai primi di dicembre per un party poliziottesco. more infos più avanti...

jac ha detto...

Ho visto Dei.

Giorgio Salati ha detto...

Grandissimo cosplayer!! Si sarà mica tagliato i capelli apposta per fare BdC?!

A proposito, per un attimo a vedere le foto avevo temuto che Manu si fosse tagliato i capelli... fiuuu! Invece no! Come si fa a sentire i Symphony X coi capelli corti!

@il.Benci: solo guardare il tuo avatar mi fa venire la claustrofobia.

Infine grande Crepascolo che conosce Eega Beeva, l'atombrello e la storia di Al Levin!

alex crippa ha detto...

jac: hai visto la luce.

giorgio: altroché! e mica solo i capelli si è tagliato...sai com'è, quel culo posticcio mica si può inserire sulla mano...