martedì 23 settembre 2008

HOTEL, DOVE SEI?

Chissà perché quando viaggio con Alfio mi sembra sempre di essere in un film dei Cohen.
Soprattutto quando andiamo a presentare un nostro nuovo volume (“Le Missionnaire 2”).
Soprattutto quando viaggiamo in auto (Lancia Musa nera a gas, la “Barbamamma”).
Soprattutto quando la meta è lontana (Lione).
Soprattutto quando l’occasione è la festa dei 10 anni di attività di Bamboo Editions che invita noi, unici autori italiani, e tutti i suoi altri dipendenti a una serata di gala in un castello della Borgogna, per un totale di 300 invitati, tra parenti e amici, tali o presunti.

Sabato 20 settembre, sveglia alle 6:00.
Partenza alle 7:00 da Viale Certosa, Milano.
Io metto la macchina, Alfio il tom-tom: percorso calcolato in 511 km, arrivo previsto alle 12:09.

Et voilà: dopo 5 ore e 2 minuti di autostrade deserte, tunnel, monti e discorsi da fumettisti in cui abbiamo parlato e sparlato di tutto e di tutti (sì, anche di te!) accompagnati dalla suadente voce della navigatrice satellitare, che ogni tanto diceva la sua, la gagliardissima Barbamamma ci scarica esattamente davanti alla Libreria LA BD, dove avverrà l’incontro coi lettori.
Mi inchino davanti allo stra-potere della navigatrice, che a quel punto non mi caga più, ci rimango un po’ male, poi supero la cosa e scendo dal mezzo insieme ad Alfio (qui perfettamente mimetizzato tra i colori dei cartonati francesi in vetrina)
Sfoggiando il nostro miglior sorriso e francese, entriamo trionfanti nella libreria, io vedo una bella signora dietro la cassa e la saluto solennemente: Bonjour Patrice!
Patrice è il nome che appariva nelle brevi mail scambiateci prima dell’incontro. Ma è il nome del marito, che in quel momento non c’è.
Prima lezione: Patrice = Patrizio. Cominciamo benissimo.

Siamo i primi autori arrivati. Poi arriva il vero Patrice, un simpaticissimo omone dalla voce baritonale, arrivano gli altri 4 autori, e si va a pranzar a suon di ratatuille.
Ma in fretta, ché i fans attendono!

Attendono soprattutto l’uomo alla mia destra e l’uomo alla sinistra di Alfio.
Quando chiesi all’uomo alla mia destra, così per ridere e per passare il tempo tra una dedica e l’altra, ahahah, quanto vendesse il suo fumetto, lui rispose septmileparbleu insomma capii 70.000 (una cifra bonellianamente discreta) e sgranai gli occhi stringendogli la mano…wow, che onore! Sono nella stessa sezione di dedicaces di un best-seller-man! Lo vedevo un po’ perplesso e infatti poi mi scrisse il numero in cifre su un foglio: aveva detto 700.000… (seconda lezione)

Insomma, io e Alfio eravamo circondati da “l’uomo dalle 700.000 copie” e, a sinistra di Alfio, l’autore de “Les RugbyMen”, una delle punte di diamante di Bamboo Editions. Entrambi autori umoristici.

Terza lezione: in Francia il fumetto umoristico non tira…MANTIENE L’INTERO MERCATO FRANCO-BELGA. Alzi la mano chi non conosce Asterix e Lucky Luke (attulamente Titeuf vende 1 milione 400mila copie a volume).
È da qualche anno che lavoro per i francesi, non era proprio una novità questa…ma è stata la prima volta che l’ho toccata con mano.

Comunque anche noi abbiamo avuto la nostra fetta di fans, via. Non vendiamo 700mila copie? E certo, siamo “autori d’élite” noialtri.

Ore 20:00 : ritrovo al Chateau de Pierreclos in cima a una suggestiva collina della suggestiva campagna borgognese, tra viti e Renault. Anche in questo caso la nostra fedele navigatrice robotica non sbaglia un colpo, e io sto pensando seriamente di corteggiarla per soffiarla ad Alfio.
Una volta entrati nella corte, parte il mega buffet: i 300 invitati si danno da fare tra tartine ai gamberetti, vinazzi d’oc e cameriere sorridenti.
Alfio fa subito amicizia con un colorista (già presente alla libreria). Gli ci vogliono due drink per sostenere la conversazione ma i risultati sono più che buoni.

Come buone sono le tartine, di tutti i colori ma non di tutte le dimensioni, che vanno infatti da un minimo di un'oliva a un massimo di una carota, tutto rigorosamente salato e salsato. Delizioso. Entriamo nell’affollatissimo castello e ci ritroviamo in un salone medievale con centinaia di altre tartine e io mi trattengo perché penso: ammazza, se questo è l’aperitivo chissà la cena! (e qui Bombolo avrebbe piantato un sonoro tsk tsk!)

Secondo salone: idem. Terzo salone: idem. Quarto salone: idem.
Il quinto salone è in realtà il primo e ci accorgiamo (quarta lezione):
1) di aver chiuso un cerchio
2) quella E’ la cena

Io che, nonostante il mio aspetto, quando si tratta di cibo non ho dignità alcuna, mi fiondo disperato sulle tartine ma c’è troppa gente ed è troppo tardi…il BOSS deve fare il suo discorso: tutti nel tendone!

Per voi che non c’eravate riassumo sinteticamente le tre (3) ore di spettacolo cui abbiamo assistito: mezz’ora di discorso del giovane BOSS inframmezzato da un video auto-celebrativo della casa editrice e 2 (due) ore e mezza (1/2) di cabaret con un comico francese molto bravo e molto famoso, del cui repertorio abbiamo capito un buon 8%. Dopo il terzo bis a mezzanotte suonata avevamo davvero bisogno di un letto.

Quinta lezione: Bamboo è una casa editrice giovane che fattura abbastanza da mantenere un centinaio e passa tra dipendenti e autori. Cioè, questa è una casa editrice media francese. E fanno fumetti non formaggi.
I francesi non solo vendono meglio di noi ma sanno anche come arringare ed esaltare la folla dei propri dipendenti. Targhetta aziendale un cazzo!

Comunque, finito lo spettacolo io e Alfio ci fiondiamo su Valerie…per prendere le chiavi del nostro hotel. E’ lei che si occupa degli alloggi. Ci consegna una card magnetica con un enigmatico “CH 4” sopra (chambre 4: camera 4 ovvio!) e noi partiamo diretti alla macchina. Impostiamo la tom-tom e la sua sensuale voce ci guida nella notte decisa e sicura alla volta dell’HOTEL AKENA e la nostra agognata camera.

Che non si apre. Abbiamo una card in mano e davanti a noi una porta con maniglia tonda e serratura classica. Sulla porta il numero 4 e in giro nessuno, nemmeno alla reception. Bè, l’hotel è più un motel, un motel piccolo, all’interno di un’area commerciale totalmente deserta nel mezzo della deserta campagna borgognese. È l’una e mezza di notte. Non vola una mosca. Hanno sbagliato a darci le chiavi, cazzo.

Vi risparmio le seguenti DUE ORE perché io e Alfio una reputazione ce l’abbiamo ancora (non presso Bamboo ormai, no no) e vorremmo mantenerla.
Vi lascio con la poetica immagine di noi due che bestemmiamo nella notte contro gli hotel, le aree commerciali, il mondo, il destino, la navigatrice e la sua fastidiosissima e saccente vocina del cazzo, e un proverbio:
quando un uomo con la card in mano incontra una porta con la serratura tonda…quest’ultima va spinta.
Perché dietro di essa c’è la porta con la fessura per la card (sesta lezione).

Ore 3:30 : a letto.


Ore 8:30 : in piedi. Si torna a Milano. 511 km.
Navigatrice portaci a casa…
GRAZIE DI TUTTO BAMBOO! ALLA PROSSIMA!

47 commenti:

braccio di culo ha detto...

settecentomilacopie

braccio di culo ha detto...

metti che quello si prende il 6% sul prezzo di copertina. metti che il prezzo di copertina sia 14 euro. Lui di diritti si becca 588mila euro...

ovviamente ho ipotizzato cifre a caso...solo per puro masochismo.

Stefano Raffaele ha detto...

E finalmente un pò di verità sul mercato francese e non le solite vaccate che leggo in giro su decine di italici blog (spesso sparate da chi in Francia vorrebbe lavorarci, ma non ci riesce)!

Grande, Alex!

Bellissimo resoconto!

alex crippa ha detto...

braccio: fa riflettere, vero?
ma chemmefrega amme! in questo momento c'ho a palla "Master of Puppets" versione S&M e niente può scalfirmi!

stefano: grazie, grandissimo. l'altra cosa davvero stupefacente della Francia fumettosa (ma credo valga per ogni settore) è che il loro mercato è incredibilmente chiuso ma incredibilmente potente. cioè, fuori da Francia/Belgio, onestamente, chi conosce o ha mai comprato Titeuf (non valgono gli addetti ai lavori)? bene, Titeuf è una corazzata da quasi 1 milone e mezzo a tomo, come ho scritto...e i tomi non costano 3 euro come un manga, ma 10/12/14 euro.
e di editori da corazzata non ce ne sono 2, ma 20.
parlano di crisi causa manga (per loro un fenomeno ancora giovane): la voglio anch'io la loro crisi qui, in Italia, adesso!

werther Dell'Edera ha detto...

HAHAHAHAHA!
E' il resoconto più meraviglioso e divertente e assurdo e divertente (divertente) che abbia letto ultimamente!
Che meraviglia, portatemi in viaggio con voi!

Anonimo ha detto...

...grazie...
eMa

Mastro Pagliaro ha detto...

i soliti italiani all'estero....

racconto spassosissimo!
ciao

Moleskina ha detto...

700.000 copie??? Vado a deprimermi...
Comunque, splendido resoconto; noi italiani in Francia siamo sempre spettacolari!

alex crippa ha detto...

werther: potrebbe capitare...eeeh sì...
(PS: sono a metà del primo tomo. a Lucca l'avrai completo...e forse anche il 2, ma non mi sbilancio)

eMa: prego. un poderoso e profondo FF a te, per cominciare bene la giornata.

alex crippa ha detto...

mastro: "les italiens" si dice, "les italiens"... ciao!!!

moleskina: al 3 deprimiamoci tutti insieme: 1...2...3! oooooohh....
(noi italiani saremo anche buffi ma in quanto a sex appeal, bè...francesi, fatevi da parte!)

Adriano Barone ha detto...

Anche a me quel "Settecentomila" lì...
Provo a scriverlo in cifre: 700.000.
Cazzo, mi sembra uno sproposito lo stesso.

(La parte sulla porta da spingere, ti giuro, mi ha fatto scoppiare a ridere).

:A:

p.s. ci sei a TV 'sto weekend?

Giorgio ha detto...

ma si dai che sono 700000 copie!?
Comunque non ci avete informato di una cosa,300 invitati e le donne???
avete mantenuto alta la reputazione dell'uomo italiano ?????
Comunque sto ancora ridendo pensando a voi due davanti alla porta dell'hotel!ghghgh

grezzz ha detto...

non vedo l'ora di essere a treviso con voi, però le porte le facciamo aprire agli altri!

alex crippa ha detto...

adriano: sì, a Treviso ci sono di brutto. io e Albertone siamo costretti...dehhehehe...

giorgio: ah, le francesi......preferisco le italiane, a dirla tutta.
faccenda hotel: hai presente gli alieni imbecilli di Shyamalan in "Signs" che non riuscivano ad aprire le porte? ecco.

grezzo: e non ho raccontato tutto di quella sporca faccenda...io e Alfio quella notte abbiamo fatto un patto: certi nostri segreti ce li porteremo nella tomba!
PS hai ritirato il frac dalla lavanderia?

grezzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzo ha detto...

crollerete e mi racconterete tutto al primo spritz..

alex crippa ha detto...

grezzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzo: see, contaci.

DIFFORME ha detto...

NOOOO racconta cazzo!

conosco quegli H/Motel francesi, in gita del 5 ci mollarono in uno di questi spersi in un centro commerciale deserto con le prostitute e gli spacciatori che si davano da fare tutta la notte davanti alle nostre finestrelle seminterrate (qualcuno ha anche approfittato degli uni e degli altri)

Adriano Barone ha detto...

"con le prostitute e gli spacciatori che si davano da fare tutta la notte davanti alle nostre finestrelle seminterrate"

@diffo: guarda che questo è culo! E non scherzo mica.

:A:

Alfa ha detto...

reportage di tutto rispetto!!belle foto...:) quella mossa è voluta vero??
700.000 copie? beh una bella cifra..
comunque il tuo resoconto mi è piaciuto tantissimo, dettagliato personale, divertente(le tartine/cena e l'hotel ahahah) e con la giusta dose di sfiga che contraddistingue i viaggi...:)

siete a Treviso? pensavo di fare un salto venerdì(forse), perchè sabato e domenica lavoro (purtroppo).

alex crippa ha detto...

diff: ma magari! no, si tratta di puro delirio notturno "alla ricerca dell'hotel perduto"...un mix letale di sonno e rabbia. ci eravamo convinti che non fosse la chiave magnetica ad esser sbagliata (infatti era giusta) ma l'hotel (invece era giusto!)...non entro nei dettagli.
questi h/motel francesi nelle aree commerciali di campagna sono autentici non-luoghi ai confini della realtà, cacchio.

alfa:
1) sì, quella mossa è voluta
2) sì, 700.000 copie son tante
3) sì, siamo a Treviso ma sab-dom...mannaggia!

Diego Cajelli ha detto...

Ottimo reportage!
Sbellichevole.
Baciami Alfio.
:-)

alex crippa ha detto...

diego: andata, senza lingua.
(Faccia Libro!)

Alfa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Alfa ha detto...

peccato..in ogni caso...buona promozione e in bocca al lupo!;)
Finalmente domani vado a Parma a vedere la mostra Graphic Poems..:)

alex crippa ha detto...

alfa: buoni Fumetti Giganti, allora!

Design270 ha detto...

Deh hi hi hoo!

braccio di culo ha detto...

alex...faccia libro!

alex crippa ha detto...

design: e già...grasse e amarissime risate!

BdC: o Fèis Bùc...da cui sto alla larga come lo si sta alla peste.

Giangidoe ha detto...

Bel resoconto, e molto istruttivo direi!
Adesso tocca solo aspettare l'edizione italiana del Missionario...

PS: visto che giorni fa mi hai dato il permesso di "spammare" ogni tanto, ci terrei che tu mi dicessi la tua sulle premesse di Prison Brek IV nel mio ultimo post.

braccio di culo ha detto...

oh no...mi vedevo già a scriverti sulla bacheca frasi del tipo: "ciao alex come va?"

alex crippa ha detto...

giangidoe: che si intitolerà JONAH MARTINI! senza punto esclamativo. Appena ho la cover definitva, posto.
ehm...io prison break l'ho mollato dopo 4 puntate...non mi basta una vita, non mi basta!

bracciaccio: bene, grazie. e tu?
(ti arrivano le mie mail? mi sa che iuston abbiamo un problema)

alex crippa ha detto...

giangidoe: ...invece mi hai convinto definitivamente per "Pranzo di ferragosto". olè.

braccio di culo ha detto...

-"Signore, non mi sta arrivando un cazzo".

le tue mail non mi arrivano..no..ma niente di niente proprio....stampamele tutte e me le fai leggere a treviso magari..

:)

alex crippa ha detto...

braccio: cazzo. non ci restano che due alternative: stamparle, rilegarle e consegnarcele a mano oppure...Faccia Libro!

braccio di culo ha detto...

io sarei per la stampa, brossura e distribuzione nelle edicole..

ma le facciamo 700mila copie con il nostro botta/risposta via mail?

alex crippa ha detto...

braccio: direi di sì. siamo spassosissimi.

alex crippa ha detto...

1,2,3 prova...prova nuovo avatar...prova...1,2,3...

alex crippa ha detto...

...prova nuovo avatar 2...prova 2...sa,sa...prova,prova...

Stella ha detto...

Ciao
Bellissimo reportage di viaggio :-)
Piccola digressione: a proposito dei Cohen cosa ne pensi dell'ultimo film?
La sorellina di alfa

alex crippa ha detto...

stella: ciao! lo vedo stasera.
sono sempre molto fiducioso quando si tratta dei Cohen bros e di George "il mio vicino comasco" Clooney...

Stella ha detto...

Si anche a me piacciono i Cohen (uno dei tanti titoli: Mister Hula Hoop - The Hudsucker Proxy) e l'ormai George nazionale non è male :-)
Buona visione

alex crippa ha detto...

"Burn after reading" è spassosissimo: guardatelo!

Barbara Canepa ha detto...

Mi hai fatto morire dal ridere!!!
Con le 700.000 copie..
Ma chi era poi? Dalla foto non lo riconosco.Inoltre NON c'è molta gente che vende 700.000 copie..mhhh...

A parte questo, siete stati un po' sballottati , ma non è cosi' male fare un po' di dedicaces.Ma SEMPRE MEGLIO i festivals che i librai, fidatevi.La prox volta chiedetelo alla vostra casa editrice... ^__^
In bocca al lupo!

alex crippa ha detto...

barbara!
lieto di averti fatto sbudellare dal ridere.
purtroppo son così pirla che non ricordo né il nome né la BD di monsieur 700.000 copie...il tema sono le auto, ricordo solo il titolo di un volume: "une deux cheval appelée désir". quella cifra si riferiva a un volume in particolare, forse un'edizione speciale...boh?!

grazie e in bocca al gufo anche a te per tutto!

Lucho ha detto...

ahahah
grande, allora vedi che i resoconti di viaggio aiutano nonché servono?
bravo bravo vai in francia

Lucho ha detto...

infatti, mi associo alla Canepa (maestro...)
700.000 copie o è porno o c'è anche la coca

baci crippa, a lucca ti voglio vedere

alex crippa ha detto...

lucho! porno, coca, humor: questa è la formula del Successo. a Lucca ti spiegherò meglio...

vota OMINOTONDO!